Blog

Le energie dell’Ombra

Per quanto posso constatare dal mio punto di osservazione, direi che sono poche, ormai, le persone che sostengono che ciò che sta accadendo ai nostri giorni in realtà è sempre accaduto. Ciò che abbiamo oggi è un pianeta devastato in modo probabilmente irreversibile rispetto agli odierni mezzi a disposizione per porvi rimedio, ed un caos politico-economico globalizzato.

Dalla I° Rivoluzione industriale in qua, infatti, cioè dal diciottesimo secolo, con l’avvento dei combustibili fossili e delle alte temperature per produrre manufatti, è cominciato il declino della Terra: negli ultimi 20 anni abbiamo inquinato quanto non era stato possibile in milioni di anni. Gli scienziati dicono che la percentuale di anidride carbonica in circolo, residuo di ogni tipo di combustione, è quella di 75 milioni di anni fa,  periodo in cui ci furono grandi eruzioni vulcaniche.

Continua a leggere “Le energie dell’Ombra”

La saggezza della disobbedienza-parte II°

Come si sarà potuto evincere dalla prima parte di questo post, disobbedire agli ordini o agli obblighi imposti quando essi violano i nostri diritti o sono contrari alla nostra coscienza, che è la voce del Sé, è un compito evolutivo.

Anne Givaudan, decisamente tra i miei autori favoriti, come è noto possiede la facoltà di uscire dal corpo e viaggiare nei mondi sottili, per adempiere a dei compiti che le vengono assegnati dalle sue guide. Nel suo libro “Il patto violato: vite interrotte” Anne racconta la storia di alcune anime che hanno scelto il suicidio. Una di queste storie può egregiamente servire ad esemplificare la necessità di saper dire di no quando l’ordine stabilito ingiunge di fare qualcosa che la nostra morale riprova. E’ la storia di John Smith, che di seguito riassumo.

Continua a leggere “La saggezza della disobbedienza-parte II°”

La saggezza della disobbedienza-parte I°

Esiste una disobbedienza che non ha nulla a che vedere con la ribellione di chi non accetta limiti al proprio ego ed è invece una disobbedienza che proviene dall’ascolto dell’Anima. Essa richiede consapevolezza di sé, responsabilità, coerenza, e la sua attuazione richiede coraggio e fermezza: si tratta della disobbedienza alle imposizioni che vanno contro la nostra coscienza ed i nostri diritti.

Questi sono tempi particolari in cui, per effetto del compimento di grandi cicli cosmici, un Nuovo Mondo sta nascendo, mentre il vecchio, morente, si dibatte e distrugge.

Continua a leggere “La saggezza della disobbedienza-parte I°”

Anima animale

Sono nata e cresciuta in campagna, dove sono rimasta fino a che mi sono sposata, dunque per tutta la mia infanzia ed adolescenza il mio contatto con gli animali è stato costante. Li ho sempre considerati amici e avuto con loro un rapporto di reciproco amore, sentimento del quale loro sono un veicolo naturale.

Il mio non era certo un atteggiamento condiviso nell’ambiente rurale nel quale mi trovavo, dove erano invece considerati come mero e insensibile strumento al servizio dell’uomo, o per lavoro o per cibo. Sono una sessantenne, pertanto ho fatto in tempo a veder dissodare i campi con l’aratro trainato dai buoi e portare a casa i raccolti su carretti tirati dagli asini.

Continua a leggere “Anima animale”

I doni dell’orso

E’ storia recente l’uccisione dell’orsa KJ2 in trentino, condannata a morte perché rea di avere graffiato un signore che l’aveva presa a bastonate.

Identificata con una sigla come se non fosse un essere vivente e senziente, ma un oggetto inanimato, è stata infatti come tale trattata, tanto che il presidente della provincia di Trento, cioè colui che ne ha decretato l’esecuzione, dopo la sua morte ha dichiarato che KJ2 era stata “rimossa”.

A distanza di un paio d’anni si ripete la storia dell’orsa Daniza, anch’essa colpevole di avere graffiato un fungaiolo, ufficialmente deceduta per una dose eccessiva di anestetico. Ma chi ci crede? Entrambe le orse sono state ammazzate davanti ai loro cuccioli, condannando di fatto a morte pure loro, in quanto di pochi mesi d’età, mentre normalmente essi restano con mamma orsa dai 2 ai 3 anni.

Continua a leggere “I doni dell’orso”

David Garrett, il violino e la Nuova Era

Questo articolo si propone di incoraggiare i lettori a mettere attenzione alle scelte che stanno facendo, per rendersi consapevoli di quanto  stiano rispettando ciò che sono e quanto invece si lascino portare dalle convenzioni e dai condizionamenti. Quanto più ci lasciamo espropriare di parti di noi, infatti, rinunciando a lasciar fiorire quel frammento di divinità che in effetti siamo, tanto più ci allontaniamo dall’armonia e quindi dalla gioia che possiamo provare e diffondere restando in contatto con noi stessi. E tanto più forte sarà il rimpianto quando ce ne accorgiamo.

Mi sembra siano passati un paio d’anni da quando ho trovato  su Facebook un video che mostrava un fascinoso giovane suonare un violino. La musica aveva un tono romantico e lo svolgersi delle immagini sembrava essere in sintonia con delle frasi che comparivano sullo schermo, inserite da un ecuadoregno: erano in spagnolo, ma comunque comprensibili anche per noi italiani, perlomeno all’ingrosso. Queste frasi erano destinate agli operatori di luce e sottolineavano la difficoltà del compito che si erano assunti, però contenevano anche l’invito a rallegrarsi, dal momento che la loro fatica sarebbe sul punto di terminare in quanto stiamo entrando in un nuovo tempo.

Continua a leggere “David Garrett, il violino e la Nuova Era”

Ritrovare la gioia

Quello della gioia è uno stato d’animo che ciascuno di noi desidera vivere, ma che tuttavia rimane per molti un’esperienza del tutto fugace o persino sconosciuta. Ci sono anche coloro che pensano non sia possibile sperimentare una vera gioia sulla Terra.

Io penso invece che vivere la gioia sia non solo possibile, ma perfino inevitabile, dal momento che essa è connaturata all’essere umano. Appartiene alla nostra parte divina e noi la incontreremo sempre più spesso e sempre più profondamente man mano che ci avviciniamo al recupero della nostra totalità, cioè all’allineamento con la nostra Anima.

Continua a leggere “Ritrovare la gioia”

La New Age dimenticata

Quel complesso fenomeno conosciuto sotto il nome di New Age non è mai piaciuto ai media, che lo hanno sempre descritto come una moda, quando non addirittura come un trucco per vendere prodotti commerciali. Questo in realtà non sorprende, dal momento che tutto ciò che opera per elevare il livello di coscienza del pianeta e per un nuovo rinascimento esistenziale e spirituale, non può essere gradito a quell’élite che, da dietro le quinte, governa il mondo e aspira al controllo totale della popolazione.

Più singolare invece è che, in moltissimi casi, un simile punto di vista sia stato adottato proprio da coloro che si adoperano per l’avvento di una nuova era per l’umanità, i quali sono arrivati a snobbare il termine, preferendo usare invece quello di “Ascensione”, e stanno molto attenti a mantenere quello che, secondo loro, è un elevato livello spirituale per non scadere ‘nelle cose New Age’.

Continua a leggere “La New Age dimenticata”